venerdì 22 settembre 2017

Come sarà il mondo senza Amore?



In un mondo senza Amore ci si fa padroni della terra su cui si è nati, si tracciano confini, si creano Nazioni, si spara a chi si oppone e si coprono i morti con il cemento, cancellandone la storia e riscrivendola a favore dei vincitori.




In un mondo senza Amore il contadino non produce più cibo sano, ma, mosso solo dal profitto egli riempirà le sue colture di veleni chimici che andranno poi ad accumularsi in chi li mangia.




In un mondo senza Amore quel che conta è il profitto, non la salute ed il benessere delle persone, per questo abbiamo tante fabbriche e allo stesso tempo tanti ospedali per curarci dei malanni causati da una vita insana, ma quel che importa alla gente oggi è "avere un lavoro", alla salute ci penserà domani...in ospedale.





In un mondo senza Amore la legge non è mai "uguale per tutti" e quando si tratta si preservare il Potere che essenzialmente è assenza di Amore, non si guarda in faccia nessuno, gli ordini vanno eseguiti, anche se chi colpisci potrebbe essere tua madre.





In un mondo senza Amore si combattono i più deboli e con la scusa di "civilizzarli" si ruba loro la terra, si distrugge le loro credenze, è il caso degli Indiani d'America, vittime di un genocidio iniziato nel 1492 e che, come potete vedere da questo disegno fatto da un bambino indiano nel 2017, vengono tutt'ora perseguitati.
Il disegno si riferisce alle lotte indiane del Nord Dakota in difesa della propria terra dalla costruzione di un colossale oleodotto con il serio rischio di inquinare il loro unico fiume in caso di rottura...




In un mondo senza Amore non conta il tuo talento naturale, contano i soldi che possono farti acquistare senza sforzo il primo posto.





In un mondo senza Amore tutti i giorni scorrono uguali, tra apatia e indifferenza, dove ognuno è impegnato a sopravvivere non alla morte, ma alla vita. Si corre e si lavora in continuazione, per tutta la vita, riproducendo figli a cui si insegnerà che è giusto vivere così.




Un mondo senza Amore non tollera che tu abbia un pensiero critico, o che tu metta in discussione le cose, per questo ti viene letteralmente fatto il lavaggio del cervello già in giovane età, affinché tu impari a pensare come il sistema dominante vuole che si pensi, o meglio che tu impari a non pensare.





In un mondo senza Amore avere una casa non è un tuo diritto, mentre votare degli sconosciuti lo è.

Come sarà il mondo senza Amore? 

Guardati attorno...vivi già in un mondo senza Amore e la logica conseguenza di tutto questo è un costante senso di infelicità, di insoddisfazione, di puro vuoto interiore che nessun capriccio materiale potrà mai colmare. 

Il mondo, la natura, le piante, gli animali, tu stesso, siete tutti espressioni d'amore, ma tu lo hai dimenticato ed ora distruggi, odi i tuoi simili, consideri inferiori a te gli animali, detesti chi non la pensa come te e ti senti bene solo quando eserciti un qualche tipo di potere.

Amore è dare, non avere, e fino a quando continueremo a pretendere sempre di più dal mondo, dalla terra, e dai nostri simili non faremo altro che accelerare la corsa all'autodistruzione.

Amore non è solo generare un figlio e pensare solo al suo bene, amore è amare il mondo nel suo insieme e fare in modo che tutti siano felici.



Articolo ispirato dalla visione di questo film:






giovedì 21 settembre 2017

Jim Carrey: "Si fermeranno solo quando potranno leggere i nostri pensieri"

La tecnologia di FaceBook ID di Apple sarà utilizzata dall'elite per "schiavizzare l'umanità" e inaugurare un nuovo ordine mondiale, secondo Jim Carrey.


L'attore Jim Carrey torna a denunciare il Nuovo Ordine Mondiale:



" Se George Orwell avesse scritto oggi il romanzo"1984", avrebbe dovuto vedersela con una società tecnologica governata da uno Stato totalitario, dove i negozi vengono chiamati" piazze di città "e dove i telefoni che le pubblicità ti invogliano a comprare leggono il tuo volto"



Secondo l'attore la nuova tecnologia iPhone Face ID di Apple verrà utilizzata dall'elité mondiale per sottomettere ancora più un umanità già di per se sottomessa, e il bello è che non gli costerà neppure fatica! Sono infatti gli stessi schiavi-consumatori a cedere spontaneamente i proprio dati personali ai governi totalitari attraverso la tecnologia di riconoscimento facciale messa nei telefoni di ultima generazione.

La nuova tecnologia Face ID di Apple è nelle mani sbagliate e condurrà ben presto a tempi profondamente inquietanti di sorveglianza globale.





" Chi può garantirmi che questa stessa tecnologia non verrà utilizzata da "qualcuno" - per identificare i manifestanti, per capire se sei depresso o maniacale o se sei debole al denaro?"




Risultati immagini per sorveglianza globaleCarrey ha poi sottolineato come "Face ID" è semplicemente l' ultimo passo verso la sorveglianza totale e l'annientamento della privacy. 

In realtà la sorveglianza globale è già in atto da diversi anni, dalla monitorazione della produttività dei dipendenti al lavoro, fino agli studi sul comportamento dei consumatori e ad altre forme di ricerca sul mercato, ma negli ultimi anni tutto questo è diventato più inquietante ed invasivo.






L'attore continua: 


"L'elite globale pensa che i tuoi segreti siano una minaccia per loro. Quando mi sveglio la mattina e posso sedermi davanti al mio caffè, guardando fuori il mio splendido giardino, penso a me stesso e mi ricordo quanto è bella la riservatezza della proprietà individuale, privata, la dignità personale, ma ci sono potenti forze che lavorano per allontanarci da tutto questo e solo quando potranno leggere i nostri pensieri si fermeranno, e allora sarà troppo tardi. Avranno il dominio totale."


Risultati immagini per osho ribellarsi










lunedì 11 settembre 2017

Senza REDDITO DI ESISTENZA scoppieranno rivoluzioni e guerre civili




Niente soldi, né tasse né proprietà privata: benvenuti a Tecnoutopia

Abbiamo incontrato Jacque Fresco del Venus Project, un Eden futuristico di quasi 85.000 mq​ in Florida.


Il futurologo e architetto Jacque Fresco si esprime per parabole. Quando rischia di perdere il filo del discorso, la sua compagna da 40 anni, Roxanne Meadows, interviene per riportarlo sul binario principale. Fresco ha da poco compiuto 100 anni ed è il futurologo-celebrità più anziano del mondo. 

Risultati immagini per Jacque Fresco
La sua opera principale è il Venus Project, un Eden di quasi 85.000 mq in Florida, composto da edifici bianchi a forma di cupola che lui e la Meadows hanno costruito in più di 35 anni. 

Il santuario e centro di ricerca è il luogo in cui Fresco tiene dei seminari settimanali, che comprendono un tour di 10 edifici—alcuni pieni di centinaia di modelli di città futuristiche—che rinnovano la promessa di un mondo futuro basato sull'uguaglianza e la tecnologia.



La storia di come sono giunto a incontrare Fresco al Venus Project ha origine dalle tassecosa che odio e che spero che un giorno saranno eliminate del tutto

Neanche Fresco ama le tasse. 
Mentre facevo ricerca on-line sull'argomento, sono incappato nell'opera di questo futurologo: oltre 80 anni di saggi, conferenze, libri, documentari, modelli e progetti architettonici. Gran parte del lavoro di Fresco è basato sulla sua principale idea filosofica: 





un'economia basata sulle risorse, senza tasse, ma anche senza la proprietà o i soldi.




Più leggevo del lavoro e delle idee di Fresco e più ne restavo affascinato. Ecco un uomo con una visione non dissimile dalla mia. La tempistica del mio incontro con Fresco e la Meadows è stata fortuita. Mentre mi avvicinavo alla fine della mia campagna presidenziale americana volevo stilare i 20 punti del programma del partito Transumanista—non guardando solamente a 10-20 anni nel futuro, come ho sempre fatto, ma prendendo in esame anche quello che potrebbe e dovrebbe accadere tra 50 anni o anche nel prossimo secolo.






Nel corso dei prossimi 20 anni, prevedo che l'automazione prenderà quasi tutti i posti di lavoro e dubito che, a quel punto, il capitalismo sopravviverà. Di conseguenza, sono favorevole a far partire fin da subito il processo di eliminazione delle tasse, distribuendo un reddito base universale—che tenga conto del welfare, della sicurezza sociale e di tutti i servizi sanitari. 

In caso contrario, prevedo che la disuguaglianza crescerà drammaticamente e il sistema di welfare si ingarbuglierà sempre di più. Inoltre, quando i robot occuperanno tutti i posti di lavoro, se le corporation e il governo non restituiranno qualcosa di adeguato alla società, potrebbe scoppiare una guerra civile o una rivoluzione.

Per me, l'aspetto più importante del futuro è riuscire a raggiungerlo e temo che, senza restituire qualcosa agli esseri umani che resteranno disoccupati, ci troveremo di fronte a una società distopica in preda al caos e alla violenza. 

E l'ultima cosa di cui ha bisogno l'America—così come la comunità scientifica—è proprio una guerra civile.


Una serie di esperti prevedono che la via da percorre sia una forma di comunismo di lusso completamente automatizzato, un termine che si sente nominare sempre più spesso. In sostanza, questa teoria prevede che gli esseri umani debbano essere coccolati dalla tecnologia, e per farlo, il comunismo dovrebbe diventare finalmente il sistema economico dominante. Ma Fresco non concorda con questa visione.





L'anziano pensatore crede che se solo riuscissimo a sbarazzarci del denaro e della proprietà, la maggior parte dei problemi dell'umanità svanirebbe. 




Per questo è convinto che solo un'economia basata sulle risorse—un'idea sulla quale, a suo dire, sta lavorando sin da quando aveva 13 anni—potrebbe realizzare questo progetto.


L'economia basata sulle risorse funziona in questo modo: in futuro i robot svolgeranno tutti i lavori (tra cui produrre nuovi robot e riparare quelli danneggiati). Ora, immaginate che il mondo sia come una biblioteca pubblica, in cui prendere in prestito qualsiasi libro si desideri, senza possederne nessuno. Per Fresco, tutte le imprese dovrebbero funzionare in questo modo, che producano generi alimentari, alta tecnologia, benzina o alcol. Tutto dovrebbe essere gratis e fornito dai robot, dai software e dall'automazione.

Il sistema di Fresco supera il capitalismo o il comunismo che, per lui, sono sistemi economici basati sulla scarsità di risorse. Il suo sarebbe invece un sistema basato sull'abbondanza. Secondo lui, le risorse del mondo potrebbero soddisfare abbondantemente l'umanità—e concordo anche io con lui. In realtà, il mio piano per un reddito di base universale si potrebbe attuare in parte utilizzando le risorse pubbliche non sfruttate dell'America; metà dei terreni degli 11 stati più occidentali degli Stati Uniti appartengono al governo, e questo si traduce in migliaia di miliardi di dollari di ricchezza non sfruttata.



Nonostante abbia alle spalle più di un secolo di vita, Fresco è ancora brillante. Parla molto lentamente, ma è perfettamente in grado di sostenere discussioni riguardanti la sua visione di economia basata sulle risorse. Ascoltandolo, è impossibile non avvertire quanto sia un uomo profondamente spirituale. A volte la sua retorica suona quasi religiosa—e infatti lui è convinto che il denaro sia la radice di ogni male.

"Quando incontro un cristiano," mi ha detto Fresco, "gli chiedo: perché dovremmo avere il diritto alla proprietà sulla terra quando questa è completamente assente nel regno dei cieli?"


Ma Fresco non è un credente. Come me, è un ateo convinto. 
E proprio come me e milioni di altre persone, è convinto che tutti i problemi del mondo possano essere risolti grazie alla ragione e attraverso il metodo scientifico.





Trovo ironico che le idee di Fresco siano simili a quelle di Cristo. 




Il futurologo, infatti, vuole un sistema aperto, in cui tutto è gratis ed egualitario. Inoltre, sostiene anche l'abolizione delle frontiere, un obiettivo a cui miro anche io dato che il mondo diventa sempre più interconnesso e i paesi tendono a fondersi—nonostante il recente successo della Brexit.

La domanda per rompere il ghiaccio è stata rivolta a Roxanne da un imprenditore durante il tour del Venus Project: "è tutto molto interessante. Ma come possiamo svolgere effettivamente la transizione verso questo nuovo tipo di società e stile di vita?"

Un'economia basata sulle risorse, in cui non si lavorerà, ma tutti vivranno nell'abbondanza, potrebbe essere proprio il trucco per realizzare una parte di Paradiso Terrestre.

La Meadows ha risposto così: "abbiamo bisogno di costruire una città per dimostrare al mondo come potrebbe funzionare. Se solo potessimo costruire una città futuristica facendo vedere a tutti quanto questo sistema può funzionare bene, la gente vorrebbe adottarlo anche nel resto del mondo."





Di recente, la Finlandia ha iniziato un esperimento sul reddito di base universale. 




E negli altri continenti esistono diverse comunità che praticano forme di governo alternativo, come ad esempio la comunità Mareki sull'isola di Vanuatu, che non utilizza il denaro o non ha la proprietà privata—tutto è basato sulla comunità. Inoltre, il Seasteading Institute, di cui sono un ambasciatore, sta cercando di creare la prima nazione veramente libertaria.


Quindi la creazione di nuovi governi, società, o città è un'impresa fattibile. Fresco—che poco tempo fa ha ricevuto un premio dalle Nazioni Unite—ha progettato moltissime città che potrebbero un giorno diventare la sua prima città sperimentale.

Anche se non disponiamo ancora di tutti i robot necessari e della eventuale tecnologia di automazione, la Meadows continua a essere convinta che si potrebbe realizzare la città anche ora e che sarebbe un successo.


La Meadows ha scritto: "questa città non è basata su quello che dovrebbe fornirci l'automazione nel futuro. Può essere realizzata anche ora."



Fonte: https://motherboard.vice.com/it/article/qk3yy5/tecno-utopia-venus-project-fine-dei-soldi-delle-tasse-e-della-proprieta